uova Fabergé di Pasqua

uova Fabergé di Pasqua

La serie è stata creata tra il 1885 e il 1917. per la famiglia imperiale russa e gli acquirenti privati.

Meglio conosciuto per la creazione di 71 copie, di cui 52 imperiale.

Carl Fabergé e la sua compagnia orafi creato il primo uovo nel 1885.

E 'stato commissionato da imperatore Alessandro III come una sorpresa di Pasqua per la moglie Maria Fyodorovna.

Il cosiddetto uovo "pollo" al di fuori coperto di bianco, conchiglia simulando, smalto, e dentro, nel "tuorlo" in oro opaco - fatta di color oro pollo. All'interno del pollo, a sua volta, è nascosta una piccola corona rubino (tradizione - Matrioska).

Uovo è tanto piaciuto l'imperatore e l'imperatrice, Alessandro III ha fatto la tradizione di Fabergé ordine uova per la moglie ogni Pasqua. Carl Fabergé è diventato un gioielliere completa della casa imperiale.

1

Peter Carl Fabergé Gustavovich

(30 maggio 1846, San Pietroburgo - 24 Settembre, 1920, Losanna - Svizzera)

Peter Fabergé viaggiato in Europa ed è stato originariamente addestrato a Dresda, e poi ha iniziato a imparare la produzione di gioielli al padrone di Francoforte Joseph Friedman. A 24 anni nel 1870, ha preso l'azienda paterna nelle proprie mani.

Nel 1900 a Parigi, Fabergé ha ottenuto il titolo di "Maestro della Gilda degli orafi di Parigi", ed è stato insignito dell'Ordine della Legion d'Onore.

Per trentadue anni di Carl Faberge ha fatto cinquanta uova alla famiglia reale. Il numero esatto di conti istituiti nel Gabinetto Imperiale. Faberge inviato al palazzo il prossimo uovo e al tempo stesso - un conto per il pagamento. Sono sopravvissuti 42 palline, il resto è scomparso durante gli anni rivoluzionari.

Nel 1846 Gustav Fabergé e Charlotte Yungshtedt un figlio, Peter Carl Fabergé, meglio conosciuto come Carl Fabergé.

Carl Faberge ricevuto la sua educazione primaria nella palestra di Sant'Anna. E 'stato un liceo noto per i bambini degli strati inferiori della nobiltà. Nel 1860, Gustav Fabergé lasciò il suo caso nelle mani di manager e si è trasferito con la sua famiglia a Dresda, dove il giovane Karl ha continuato i suoi studi presso Handelshulle. All'età di 18 anni, è andato in tour e ha visto molti gioiellieri famosi in Francia, Germania, Inghilterra, ha visitato la galleria e le migliori musei in Europa.

Nel 1872, Carlo ritornò a San Pietroburgo, all'età di 26 anni. Il manager della società "Fabergé" fu il suo mentore e maestro per 10 anni, ma nel 1882 morì e Karl ha preso il controllo della società stessa. Nello stesso anno, ci sono stati due eventi importanti: è stato insignito del titolo di Master of casi gioielli, Agathon Fabergé, il fratello più giovane, entrato nell'azienda di famiglia.

Accademia di Filatelia istituito in memoria dei due importanti collezionisti

Agathon Karlovic e Oleg Agafonovich

- l'ultimo della fama mondiale

Dynasty Faberge gioiellieri.

in materia di pubblicità di promozione del marchio dell'Accademia Nazionale di Filatelia,

rilasciata dal post russo commissionato dalla ASN in occasione della concessione di

Principe Alberto II di Monaco Faberge medaglia

LiveInternetLiveInternet

  • Penna e pennello. (2263)
  • TV. Film e impalcature (1455)
  • Tutto (1447)
  • È interessante notare che (950)
  • Video / Foto / Video / Concerti. (803)
  • Kumiry (754)
  • Il buon vecchio Hit (705)
  • Album con (690)
  • Stories (649)
  • Jazz, Rock, Blues. (605)
  • SuperStars (523)
  • Musicisti, pittori, compositori, poeti, scrittori (483)
  • SORRISO E NOI (446)
  • Superhit del XX secolo (349)
  • "USSR" - retro (325)
  • Le stelle nel "salotto della musica" (280)
  • Shanson russo (222)
  • storie Odessa (215)
  • La musica nell'età (201)
  • Belkanto (voci preferite) (196)
  • Piccolo concerto retrò (154)
  • Opera, operetta, musica classica, danza. (153)
  • Biografie (150)
  • romance Lyric (150)
  • Legends of chanson russa. (115)
  • Retro Musica (107)
  • classici Storia chanson (104)
  • Pesnya.Romans (104)
  • Memorial (77)
  • Stelle di emigrazione russa (72)
  • Peter Leszenko (50)
  • shanson (34)
  • Cultura, arte, storia (20)
  • sezione letteratura (7)

-I - fotografo

immagine femminile nei secoli 18-20 pittura parte 1

-Iscriviti via e-mail

uova Fabergé di Pasqua

Napoleone. 1912. Con il centenario della guerra con Napoleone. Regalo Maria Feodorovna. Sorpresa - una schermata con sei miniature raffiguranti i rappresentanti dei reggimenti, il colonnello onorario che era imperatrice .

Il simbolo di un'epoca svanita e l'Impero russo, la sua ricchezza e prosperità, l'apice dell'arte Russo gioielli sono considerati le uova Faberge Pasqua. Sono stati loro che hanno fatto il nome del celebre gioielliere russo nel mondo, il nome che breathy pronunciato oggi in Europa e in America.

uova Fabergé non sono solo un miracolo di gioielli, ma anche la meccanica ogni uovo ha la propria sorpresa. Erano o contenitori di vigilanza o la musica, o piccolo treno, si passa a pochi metri, o pavone, simulando l'andatura di questo uccello, o camminare i Mori, o dipinti in miniatura.

La storia della collezione imperiale di uova di Pasqua, la loro perdita, la ricerca, e poi - molti falsi ricoperta di leggende, misteri, storie di criminalità e nomi, più europei e americani. Queste uova miracolo per milionari ha scritto volumi di ricerca e decine di libri gialli e polizieschi scientifica e artistica.

Ma oggi, anche il marchio Fabergé molto tempo non appartiene alla Russia, e tutti i tentativi di Viktor Vekselberg acquisto si è rivelato inutile. Il celebre gioielliere russo con radici franco-tedesco-danese Carl Fabergé trentadue anni (1885-1917), prodotto per la famiglia Romanov ha celebrato le uova di Pasqua - uno in un anno, e oltre a loro anche ad altri clienti privati ​​facoltosi.

L'inizio della famosa dinastia di gioielli risale in Francia (da qui - il nome francese), agli antenati, gli ugonotti. Il primo uovo di Pasqua (1885) è stato prodotto da Carl Fabergé Pasqua non è (anche sotto forma di un uovo), e per il ventesimo anniversario del fidanzamento nel 1866, Alessandro III e sua figlia re danese Dagmar Maria, al suo battesimo nella Chiesa ortodossa ha ricevuto il nome di Maria Feodorovna.

Gallina. 1885. Dono di Maria Feodorovna. Sorpresa - pollo con una corona e un anello. corona ha perso

L'uovo è stato fatto sul modello del dono pasquale del XVIII secolo come un semplice uovo, al cui interno è stata una sorpresa: il pollo, che a sua volta era una corona, e la corona - l'anello. Insomma, un regalo a sorpresa sotto forma di bambole russe nidificazione. Una di queste uova XVIII secolo può essere visto oggi nel Castello di Rosenborg a Copenaghen.

Le uova si trasformano in Pasqua con la mano leggera dell'imperatrice Dagmar, che tanto ammirava il dono che ha commissionato Faberge per fare un annuale uno al Uovo di Pasqua con il presupposto che nessuno di loro non ha ripetuto il precedente ed è sempre stato una sorpresa.

Così iniziò la tradizione imperiale esisteva fino rinuncia Nicola II dal trono. Alessandro III negli ultimi dieci anni, ha ordinato un solo uovo - per la moglie, e dopo che l'imperatore dalla morte di suo figlio, Nicola II, che ha ordinato due uova, una per la madre - Maria Feodorovna, vedova di Alessandro III, il secondo - per sua moglie, l'attuale imperatrice Alessandra Feodorovna .

Putto con Chariot Egg. 1888. Dono di Maria Feodorovna. Sorpresa - l'uovo - con il cherubino orologio

Maria Feodorovna ricevuto un totale di trentadue su cinquanta uova imperiali, ma era in grado di prendere nella sua nativa Danimarca nel 1919, solo uno - San Giorgio, quest'ultimo lo donò alla Pasqua-1916. Su di essa - l'Ordine di San Giorgio, e in una sorpresa: un ritratto in miniatura di Nicola II. Venti ovuli donati da Alexandra e gli ultimi due (Pasqua 1917) non sono stati completati.

Il più prezioso dei cinquanta-due uova Fabergé sono considerati i primi dieci giorni di Alessandro III, nonché il più controverso e smazzato misteri - gli ultimi due che i destinatari non hanno mai raggiunto. Tutte le uova di Pasqua precedenti sono stati presentati all'Imperatore - sempre il Venerdì Santo - personalmente proprietario Karl Gustavovich della società, che accompagna il dono conto dei costi. In seguito, in base a questi conti siamo stati in grado di stabilire quanto è stato fatto delle uova Fabergé Imperiale di Pasqua.

George Cross. 1916. Dono di Maria Feodorovna. Sorpresa nel uovo - un ritratto di Nicola II

Con le ultime uova di Pasqua Fabergé accaduto storia incredibilmente complicata. L'ordine della loro produzione al XVII Pasqua, come sempre, l'azienda ha ricevuto per l'anno a venire - primavera del 1916 subito dopo la consegna delle uova a Pasqua 1916, ma non v'è la prova della società principale dell'artista che le uova non erano finiti. Ha scritto su questo nel 1922 circa l'uovo "zarevic Constellation" progettato Alexandra:

«9hellip; uovo di vetro blu, che è stato intarsiato con la costellazione del giorno in cui è nato l'erede. Uovo amorini mantenuto argento e nuvole glassati cristallo di rocca. Se non sbaglio, era dentro l'orologio con quadrante rotante. Rendendolo le uova furono interrotti dalla guerra. Amorini erano pronti, la nuvola, l'uovo stesso e piedistallo intarsiato non era finita ... 9raquo;.

Constellation principe ereditario. 1917. regalo di Alexandra. Ultimo uovo. Incompleta. Sorpresa - l'orologio all'interno dell'uovo

Stabilire quanto è stato fatto l'uovo del re, fu solo nei primi anni novanta, ma l'ultimo uovo "Sozvezdie9raquo; 1917, di cui sopra, è stato scoperto per caso nel Fersman Museo Mineralogico a Mosca nel 2001, in una forma smontato.

Ogni uovo Faberge Pasqua era pieno di significato, parla di un evento associato alla storia della Russia: la guerra nel 1914, il viaggio principe ereditario Nicholas verso l'Estremo Oriente, l'apertura della Transiberiana, l'anniversario della guerra del 1812, e così via. Purtroppo, in Russia c'è meno di questa collezione unica di dieci di cinquantadue uova vengono memorizzati nella Armeria, undici - al Museo di Fabergé (San Pietroburgo).

E 'stato aperto da Viktor Vekselberg, in particolare per la raccolta, che è riuscito a comprare un intero (senza divisione in pezzo commerci separati) nel 2004. Tuttavia, due di loro non sono esattamente impostare l'anno di creazione, né la destinazione esatta non hanno e perché gli esperti usomnevayut hanno appartenuto alla collezione reale. Un Uovo di Pasqua ("Constellation principe ereditario") È nel Museo Mineralogico Fersmana.

Birch. 1917. Dono di Maria Feodorovna. Ultimo uovo incompleta. Sorpresa - un elefante meccanico fatto di materiali preziosi. non trovato

Il resto, per lo più in collezioni private, spesso sconosciuti, o nei musei d'Europa e d'America. ubicazione ignota di sei uova del re, di cui tre da parte l'ordine di Alessandro III.

In breve, nel corso degli ultimi cento anni, una parte della collezione unica è stato rubato durante la rivoluzione, una parte di - negli anni Novanta. Parte di esso è venduto ai tempi di Stalin per una canzone, e alcuni - e del tutto scomparso senza lasciare traccia.

Molto di questo è a causa di grande valore uova Fabergé di Pasqua dal punto di vista delle autorità sovietiche nazionalizzato la proprietà della famiglia reale, non rappresentato. Maxim Gorky, per esempio, ha scritto che si tratta solo di un argento ben congegnata.

Nel 1917, Kerenskij ordinato cassapanche imperatrici beni trasferiti a Mosca e li mise temporaneamente nella Armory, dove avevano giaciuto non aperto cinque anni. Nel 1922 ha iniziato la vendita di tesori d'arte e del patrimonio nazionale del paese. Vendita soggetta e uova Fabergé reali.

Ma mentre il mercato è stato eccesso di offerta, le uova è andato per niente, dopo cinque anni, 24 uova sono tornati a casa, perché non si trovano acquirenti. Tre anni dopo, nel 1927, Commissariato del Popolo ha chiesto undici delle 24 uova per cercare di vendere di nuovo. implementazione Guy della decisione del direttore del Armeria è stato percepito come sabotaggio aperta.

Poi venduti sono stati i più preziosi uova, che sono stati acquistati per lo più da americani: Hummer, la moglie dell'ambasciatore americano, sua moglie "General Motors" e altri milionari. La vendita successiva e ultima ha avuto luogo sei anni dopo, nel 1933.

Poi un uovo dalla collezione imperiale "Mozaichnoe9raquo;, ha donato la Pasqua del 1914 Alexandra, ha acquisito la regina britannica Elisabetta II, nella cui collezione composta da tre uova Fabergé, ed è a questo giorno.

Mosaico. 1914. regalo di Alexandra. Sorpresa - cameo con profili bambini.

imita Egg punto croce e ha una sorpresa - un cammeo con i profili dei figli della famiglia imperiale, decorato con diamanti, perle e corona imperiale. Lungo sconosciuta mancava ultimi due uova, che si stanno preparando per Pasqua 1917.

La rinuncia è accaduto, come sapete, a marzo. Di conseguenza, la produzione di uova pasquali Imperial erano quasi completato. Per fortuna, sono riuscito a trovare gli ultimi disegni di uova e di recente si sono trovati uova. Quella era inteso come un dono Alexandra, è stato trovato nel Museo Mineralogico, dedicato a Maria Fyodorovna, fatta di Carelia betulla, troppo, è stato trovato nella stessa del 2001.

Aveva una sorpresa piccolo elefante meccanico, un simbolo del Regno di Danimarca. Ma l'elefante fatta di diamanti, oro e argento scomparve. Preservata da esso solo in chiave di carica. Così la storia delle uova Fabergé di Pasqua non è ancora finito e il punto non è messo in esso. Si spera che un giorno sarà riempito le macchie bianche della storia semi-criminale, e uova mancante - trovati.

Croce Rossa. 1915. regalo di Alexandra. Sorpresa - miniatura dentro l'uovo con 5 ritratti in forma di Suore della Misericordia, due figlie, una sorella, una moglie e un cugino di Nicola II

Tina Guy

Carl Fabergé e suoi capolavori. uova Fabergé di Pasqua

"Faberge Egg" - il nome di un nome comune. Questo simbolo di lusso, una volta che i bolscevichi venduto per quasi nulla, oggi è il denaro favoloso. collezionisti privati ​​sparsi per il possesso dei famosi tesori di milioni.

Possiamo dire che Carl Fabergé - gioielliere ereditaria. Suo padre anche aperto nel 1842 a San Pietroburgo la società. Famiglia è venuto in Russia da Estonia, e gli antenati del celebre gioielliere erano ugonotti francesi fuggiti in Germania dalle politiche ostili del Re Sole (Luigi XIV). Niente di eccezionale laboratorio Fabergé-padre non ha fatto: si spille tiara, generosamente tempestato di pietre preziose, utilizzato molto richiesto tra i rappresentanti della borghesia commerciale, ma solo.

Gustav cercato di imparare e il suo primo figlio, in modo da Karl Fabergé ha studiato presso prestigiose scuole in Europa, ha studiato arte orafa a Francoforte, e poi ritornò in Russia e ha portato l'azienda di famiglia per 24 anni. Alcuni ricercatori sostengono che egli era estremamente dotato nel settore gioielleria, altri ritengono che l'eccezionale talento di Carlo Gustavovich era puramente amministrativo. Ma il manager come diremmo oggi, era da Dio.

Quando nel 1882 si è svolta a Mosca Arte e Industria mostra Faberge prodotti fortunata impresa attirato l'attenzione di Alessandro III e sua moglie. Da quel momento ha iniziato una proficua collaborazione con la famiglia gioielliere monarca. Devo dire che l'imperatore ha dato via gioielli costosi non è qualcosa che un chilo - tonnellate. Tenuti a presentare doni durante le visite ufficiali ai governanti di altri paesi, e ci sono stati buoni set riccamente lavorati, contenitori di monili, gioielli e una varietà di bigiotteria con un marchio Fabergé.

ferma presto guadagnato il riconoscimento internazionale vincendo la mostra di Norimberga (1885). I giudici hanno scelto i prodotti che imitano gioielli d'oro degli Sciti. Nello stesso anno è stata fatta la prima Faberge uovo per la dinastia dei Romanov.

Imperatrice favorita gioielliere dal 1884: ha presentato un souvenir, raffigurante un cesto d'oro di gigli di perle. Maria Feodorovna trovato un bel po 'di cose, e possiamo dire che grazie a Carl Faberge aperto una nuova tendenza in azienda. Da allora, una varietà di fantasia, incarnata nella pietra, oro o osso diventare il suo primo marchio di fabbrica.

Devo dire che il celebre gioielliere è più apprezzato è il lato artistico della questione, e non tutti i suoi prodotti sono stati preziosi. Sulla sua azienda produce una varietà di cose utili, come maniglie per ombrelli, anelli o guarnizioni di pietra. Secondo alcune fonti, l'azienda ha fatto anche utensili in rame, e perfino insiemi d'argento di Faberge in realtà erano famosi in tutta la Russia (e non solo).

Gioielliere introdotto la moda di utilizzare non solo le pietre e metalli preziosi, ma anche materiali più semplici: cristallo, avorio, malachite, diaspro, ecc In un primo momento, il personale della società non ha abbastanza personale qualificato per effettuare tutte le idee che mi ha riempito di Carl Faberge .. I lavori hanno avuto i maestri degli Urali. Ma a poco a poco molti gioiellieri di talento, incisori e gli artisti sono diventati dipendenti regolari dell'impresa. Tra di loro c'erano maestri di alta classe Faberge permesso loro di mettere sul proprio prodotto di marchio.

giorno di lavoro dei dipendenti era solo uno schiavo: hanno dovuto lavorare dalle sette del mattino fino alle undici di sera, e la domenica - fino all'una del pomeriggio. E 'incredibile, ma Carl Faberge goduto i subalterni posizione da esso non ha lasciato, non organizzare imprese concorrenti, anche se molti hanno avuto la possibilità. Devo dire che il salario pagato lavoratori generosi famoso gioielliere, anziani e malati in balia non buttare, non lesinare sulla lode.

La società aveva un proprio stile riconoscibile. Un'altra caratteristica dei vari smalti acciaio, che piacevole per gli occhi oltre 120 sfumature, e la tecnica della cosiddetta smalto guilloché e non replicabile.

La fama più conosciuto e postuma era dovuto alle uova Karl Fabergé di Pasqua, che la sua azienda produce ogni anno per la famiglia imperiale. La tradizione ha messo a caso. Il re ha chiesto al gioielliere di fare un regalo a sorpresa per il suo Maestà Maria Feodorovna. Fabergé fu data la libertà di scelta - quindi non c'era il primo uovo della collezione imperiale.

Il primo campione è stato uno smalto bianco uovo d'oro rivestito esternamente. Al suo interno è stato collocato il tuorlo e pollo colorato. Lei, a sua volta, è stato anche un segreto: all'interno era un uccellino imperiale corona e rubino uovo, che è stato successivamente perso.

L'idea non era originale: come ricordi vengono memorizzati tra i reperti di diversi musei europei fino ad ora (forse ci Carl Fabergé e trassero ispirazione).

L'imperatrice del dono ha fatto molto piacere. Da questo punto in Faberge ho dovuto presentare ogni anno alla corte un nuovo capolavoro, ma con due condizioni. In primo luogo, un uovo con un segreto potrebbe essere fatto solo per la famiglia reale. In secondo luogo, doveva essere assolutamente originale.

Quando è venuto al trono Nicola II, che ha continuato la tradizione, ma ora Fabergé creato un souvenir o due: per il coniuge del monarca e l'imperatrice vedova.

Molti anni più tardi, si è saputo che il gioielliere è ancora aggirato il divieto suo protettore agosto, sette uova, molto simili agli originali dal tesoro reale, erano di proprietà della moglie di un Gold Mining. Quello che era da biasimare - favolose ricchezze signora kelch o suoi begli occhi - non è noto. Oltre a loro ci sono almeno otto uova Faberge fatto per gli ordini privati. Che questo fatto né documentato, è una copertura eccellente per truffe.

Per la fabbricazione di ogni casa capolavoro Fabergé ha trascorso quasi un anno. Per creare schizzi attratto gli artisti di maggior talento, e la vista del dono futuro è stato tenuto un segreto gelosamente custodito.

Durante la produzione, la sorpresa del re Fabergé non inseguire il profitto: in anni diversi uova di Pasqua imperatore trattata in quantità diverse e realizzato in diversi materiali, a volte completamente poco costosi. Così, nel 1916 il monarca ha ricevuto il supporto uovo in acciaio per il quale erano quattro cartucce.

I tesori conservati proprietari

Dicono di circa 50, 52 e anche 56 copie, che vengono prodotti da Faberge per la famiglia imperiale, ma una parte di loro è andato perduto. I bolscevichi salirono al potere, non solo derubato il tesoro imperiale, così anche venduto per una miseria. Ora sappiamo la sorte di tutti i 46 di loro.

Nel 2013, un regalo davvero reale per il popolo di San Pietroburgo ha fatto un oligarca russo Vekselberg Maxim. Ha comprato la famiglia Forbes la più grande collezione al mondo di uova Fabergé e ha aperto il museo, in cui 9 su 15 esemplari potevano vedere tutti. Altri 10 capolavori sono tra i reperti del Armeria, 13 sono nei musei degli Stati Uniti, 2 - in Svizzera e altri 13 dispersi in collezioni private (alcuni di proprietà della regina della Gran Bretagna).

Un altro museo Faberge aperto nel Baden-Baden, dove le uova sono mostrati nel 1917 di fabbricazione: da legno di betulla (inteso Dowager Empress) e vetro cristallo (Alexandra). L'autenticità di questi ultimi solleva qualche dubbio, perché lo stesso è stato trovato nei sotterranei del Museo Mineralogico di Mosca, ma il proprietario del capolavoro, un altro miliardario russo Alexander Ivanov, dice che il proprietario del l'originale è esattamente.

1

Leave a Comment

40 − 37 =